A A+ A++
29/10/2017
Foto di gruppo
© Camila Casal - Centro Diritti Umani

Gli studenti della LM in Human Rights and Multi-level Governance in Nepal per la terza edizione della Winter School “Microfinance in Action”

La terza edizione della Winter School “Microfinance in Action”, promossa dal Centro di Ateneo per i Diritti Umani e dal Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali dell'Università di Padova, si è svolta dal 14 al 28 settembre 2017.

Sette studenti del Corso di Laurea Magistrale in Human Rights and Multi-level Governance, una studentessa della Scuola di Economia e Scienze Politiche e una studentessa della Scuola Galileiana, accompagnati dal Prof. Alberto Lanzavecchia, hanno visitato varie aree del Nepal per studiare come il microcredito possa essere, dal punto di vista dei diritti umani, un importante strumento per sradicare la povertà e ridurre la disuguaglianza sociale.

La prima parte di questo progetto è stata dedicata ad una serie di lezioni e seminari per comprendere il funzionamento del microcredito in Nepal. Gli studenti dell'Università di Padova in questa fase hanno lavorato insieme ad altri nove studenti nepalesi dell’Apex College di Kathmandu. Oltre alle lezioni frontali impartite dal Professor Alberto Lanzavecchia e dai Professori dell'Apex College, Kishore Dhungana e Bharat Thapa, sul raffronto tra i diversi progetti di microfinanza in Nepal ed Europa, hanno incontrato una serie di esperti provenienti da diversi istituti di microfinanza, come il Centre for Microfinance. Inoltre hanno avuto la possibilità di incontrate un gruppo di donne, nella zona rurale vicino Kathmandu, che da anni si occupa di educazione in materia di salute, igiene e nutrizione.

Successivamente a questa prima fase di approfondimento teorico, il gruppo di studenti ha potuto osservare l’impatto dei progetti di microfinanza sul campo, visitando fattorie ed altre attività commerciali avviate grazie a microprestiti, compreso un bed and breakfast dove sono stati ospitati. Le visite sono state organizzate e guidate dagli agenti della Muktinath Bikas Bank Ltd, una banca di microfinanza e sviluppo, impegnata in attività bancarie che considerano sempre l'impatto sociale degli interventi. La Muktinath Bikas Bank Ltd. è un attore molto attivo anche nella società civile nella regione di Pokhara e, per l'occasione, gli studenti sono stati coinvolti in una iniziativa di cittadinanza attiva, una "cleaning campagin" volta a coinvolgere i cittadini e sensibilizzarli sull’importanza del rispetto dell’ambiente. In Nepal, un’altro tema importante, oltre allo sviluppo economico, è l’ineguaglianza di genere: gli studenti grazie agli incontri con diversi gruppi e cooperative di donne, hanno potuto constatare come il microcredito funzioni anche come strumento per la legittimazione femminile.

La seconda parte della Winter School si è concentrata sulla conoscenza di altre realtà nepalesi, e si è maggiormente focalizzata sui diritti umani, sulla disuguaglianza di genere, sulla discriminazione sociale e sull'educazione.

Il gruppo si è spostato quindi a Butwal, nella regione del Terai, per incontrare Aman Pariyar. Aman è un attivista per i diritti umani e con la sua associazione Farm House Nepal ha adottato un approccio globale nel combattere la povertà nei gruppi più emarginati della sua comunità. I progetti di Farm House Nepal, supportati anche da ONG ed esperti internazionali, intendono promuovere attività formative in nuove tecniche agricole, supportare le scuole del territorio, promuovere attività sui diritti delle donne. 

Grazie a Farm House Nepal e con una parte dei fondi raccolti con la campagna "United for Nepal 2017", gli studenti hanno acquistato e consegnato dei ventilatori ad una scuola locale sud-ovest del Nepal, migliorando le considizioni ambientali dove più di 300 studenti studiano con temperature davvero molto alte sotto i tetti di lamiera.

La carovana si è poi spostata nel distretto di Sindhupalchowk, la regione del Nepal più colpita dal terremoto del 2015. Nel villaggio di Meshipa hanno visitato la scuola Shree Koldaung Devi Secondary School, fortemente danneggiata dal sisma, per consegnare l'altra parte dei fondi raccolti con “United for Nepal 2017” e 20 computer donati da Cedacri Group. Con queste donazioni, è stata allestita un'aula computer con i 20 computer, un proiettore, webcams e collegamento Internet in memoria del Professore Antonio Papisca.

United for Nepal è stata organizzata a Padova lo scorso maggio 2017 da un gruppo di studenti del Master in Human Rights and Multi-level Governance con lo scopo di aiutare il lavoro di Sagarmatha International Foundation in questa zona. Il gruppo ha visto i progressi nella ricostruzione degli edifici scolastici e ha potuto discutere con il corpo docente i progetti futuri per la riabilitazione della scuola, rinnovando l'impegno a sostenere tali attività mediante azioni di scambio e cooperazione.

Gli studenti dell'Università di Padova che hanno preso parte al progetto “Microfinance in Action 2017” sono: Alina Cebotari, Camila Casal, Daniele Marino, Giorgia Scuderi, Giulia De Paoli, Giulia Nason, Livia Bresciani, Maria Alejandra Mora Bernard e Quynh Nguyen.

regione del veneto
pace diritti umani