A A+ A++
1/6/2010
Primo piano di Jorge Sampaio, Alto rappresentante dell'Alleanza delle Civiltà
© UN Photo/Evan Schneider

Nazioni Unite: concluso il terzo Forum dell'Alleanza delle Civiltà

Si è concluso il 29 maggio a Rio de Janeiro, il terzo forum dell'Alleanza delle Civiltà, l'iniziativa delle Nazioni Unite che promuove e coordina  attività e programmi per la promozione del dialogo interculturale e il rispetto della diversità culturale in tutto il mondo.

Il Forum ha visto la partecipazione di più di 2000 leader politici, esponenti di società civile, attivisti, giovani, giornalisti, rappresentanti di organizzazioni regionali, e personalità religiose.

Intervenendo all'iniziativa, il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki Moon, ha affermato che il dialogo interculturale è una delle più importanti missioni del 21° secolo dal momento che tre quarti dei conflitti in corso ha una dimensione culturale e che migliorando le relazioni umane e culturali e investendo sui nuovi strumenti per la tolleranza, la fiducia e il cambiamento, possiamo contribuire concretamente a limitare questi conflitti.

Particolare attenzione durante questo evento è stata dedicata all'approccio euromediterraneo al dialogo interculturale, considerato dai presenti una risposta reale alla minaccia degli estremismi. In quest'ambito, i partecipanti al Forum hanno riconosciuto l'efficacia del modello di cooperazione regionale portato avanti dalla Fondazione euromediterranea Anna Lindh per il dialogo tra le culture, lanciata nel 2005 su iniziativa della Commissione Europea nel contesto del Partenariato euromediterraneo.

Il ruolo della Fondazione è stato centrale anche nell'organizzazione del Forum globale dell'Alleanza delle Civiltà, dal momento che i suoi rappresentanti hanno partecipato a tutti i principali dibattiti internazionali: “Dialogo tra le civiltà e la ricostruzione di un ordine mondiale”, “Formare la percezione pubblica: il ruolo dei media oggi”, “Investire nella diversità culturale” e “Affrontare l'islamofobia”.

Il Ministro degli esteri francese, Bernard Kouchner, inoltre, sottolineando l'approccio unico della Fondazione ha proposto la creazione si una Fondazione Unione Europea/America Latina sul modello di quella euromediterranea.

La collaborazione tra la Fondazione Anna Lindh e Alleanza delle Civiltà è basata su un Protocollo d'intesa firmato a Istanbul nel 2008; inoltre il Presidente della Fondazione, André Azoulay, fa parte del Gruppo di alto livello che, su richiesta del Segretario Generale ha dato il via all'iniziativa delle Nazioni Unite nel 2006.

regione del veneto
pace diritti umani