A A+ A++
26/10/2010
Due ragazzine passeggiano nel campo profughi palestinese di Acqba Jaber gestito dall'Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l'Occupazione, accanto ad un muro su cui è raffigurata una moschea riportante i colori palestinesi.
© UN Photo/Stephenie Hollyman

Nazioni Unite/UNRWA: lanciata la nuova campagna "Peace Starts Here"

L'Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l'Occupazione dei Profughi (UNRWA), ha lanciato un nuovo mini-sito multimediale che, attraverso brevi cortometraggi della durata inferiore ai cinque minuti ciascuno, vuole illustrare le sofferenze e le difficoltà di circa cinque milioni di rifugiati palestinesi, descrivendo la vita quotidiana nei campi profughi.

Il nuovo strumento web è stato realizzato nell'ambito di una nuova campagna promossa dall'Agenzia, intitolata Peace Starts Here e lanciata in concomitanza con la Giornata delle Nazioni Unite e con la Giornata della collaborazione tra ONU e Unione Europea.

I brevi video della Campagna sono stati girati nelle cinque aree in cui l'Agenzia delle Nazioni Unite si trova ad operare: Striscia di Gaza, Cisgiordania, Giordania, Siria e Libano.

La musica originale dei film è stata composta dal musicista Tareq al Nasser e dall'attrice Nadera Omran, entrambi di origine giordana.

Attualmente il sito mette a disposizione solamente le prime quattro storie che riguardano rispettivamente: la demolizione di una casa a Gerusalemme, le difficoltà quotidiane di un ragazzo orfano a Baqa'a in Giordania, le speranze di un artista a Shatila in Libano, e l'esperienza e i desideri di una giovane studentessa di diritti umani a Gaza. Le quindici storie totali saranno pubblicate online in un periodo di tre mesi, accompagnate da informazioni e fotografie sui luoghi e sui temi trattati.

Secondo gli organizzatori della Campagna, un primo obiettivo è quello di suscitare un legame emotivo sincero ed incoraggiare la discussione sui forum online e sui social network sul tema dei rifugiati palestinesi, mentre l'obiettivo finale è quello di presentare i rifugiati palestinesi da una prospettiva personale, evidenziando storie di coraggio e creatività a dispetto delle circostanze più difficili.

regione del veneto
pace diritti umani