A A+ A++
9/1/2011
Classe del Burundi, 21 Maggio 2006
© UN Photo/Mario Rizzolio

Piattaforma delle ONG findlandesi per lo sviluppo: Lancio della nona summer school in educazione allo sviluppo. Petäys, Finlandia, 12 -18 giugno 2011

La Piattaforma delle organizzazioni non governative finlandesi per lo sviluppo, membro di CONCORD e della rispettiva rete nazionale della Fondazione Anna Lindh, ha lanciato un invito a partecipanti, esperti e facilitatori per partecipare alla prossima summer school sul tema dell'educazione allo sviluppo (DESS) che avrà luogo a Petäys, in Finlandia, dal 12 al 18 giugno 2011.

Durante questa iniziativa, che sarà focalizzata sul tema Qualità e impatto nell'educazione allo sviluppo, circa 80 partecipanti saranno assistiti da facilitatori ed esperti sul tema, e avranno l'opportunità di imparare e codividere le proprie conoscenze attaverso sessioni plenarie impostate su questioni teoriche e gruppi di lavoro e altre attività orientate all'azione.

Uno degli obiettivi della summer school è scoprire, usare e creare metodologie concrete, buone pratiche e strumenti per migliorare la qualità del lavoro in materia di educazione allo sviluppo e condure una valutazione dell'impatto di tale pratica nelle ONG.

La scuola includerà anche un importante aspetto multi-stakeholder concretizzato attraverso una conferenza pubblica ad alto livello che si terrà ad Helsinki il 16 giugno 2011.

L'invito a partecipare è rivolto in particolar modo ai membri di ONG con esperienza sia in educazione allo sviluppo sia in attività di sensibilizzazione. I costi di partecipazione per i Paesi dell'Unione Europea sono basati sul PIL del paese di provenienza e variano da 150 a 520 euro, con un rimborso del viaggio fino a 400 euro. Per i Paesi candidati o potenziali candidati, la tassa di iscrizione è fissata a 150 euro mentre il rimborso del costo del viaggio sarà sostenuto dagli organizzatori della summer school.

La scadenza per inviare il proprio modulo di partecipazione è stata fissata al 17 gennaio 2011.

regione del veneto
pace diritti umani