A A+ A++
4/4/2018
Una lavagna con alcuni dei temi trattati durante il progetto "Erasmus+ BRAVE - Building Resilience Against Violent Extremism"

Progetto Erasmus+ BRAVE - Building Resilience Against Violent Extremism: pubblicati i risultati

Sono stati pubblicati i risultati del progetto “B.R.A.V.E. Building Resilience Against Violent Extremism”, finanziato dai fondi Erasmus+ e organizzato dal Comitato d’Intesa e dal Centro per il Volontariato di Belluno. Il progetto, ormai prossimo alla conclusione, mira a prevenire l’epidemia della violenza estremista nei contesti multiculturali ed ha avuto inizio nella provincia di Belluno con un training course che si è svolto dal 13 al 19 Dicembre 2017 coinvolgendo partecipanti fra i 18 e i 50 anni provenienti da 9 diversi Paesi (Portogallo, Spagna, Marocco, Tunisia, Georgia, Croazia, Malta, Italia, Giordania). Il risultato del progetto è la pubblicazione di un opuscolo che presenta 5 strumenti educativi ideati dai partecipanti al corso.

I 5 strumenti riguardano argomenti quali la violenza di genere, la violenza domestica, il cyberbullismo, la xenofobia e i discorsi di incitamento all’odio. Gli strumenti sono finalizzati al compimento di due obiettivi, ovvero rafforzare la società civile nel fronteggiare la violenza estremista e la radicalizzazione e prevenire e ridurre la violenza estremista e i discorsi di incitamento all’odio attraverso misure concrete. Ogni strumento presenta un titolo, un argomento di riferimento e il materiale necessario per la sua implementazione. Inoltre, ogni strumento è presentato e spiegato attraverso 4 punti: introduzione, obiettivo, target di riferimento proposto e tempistiche. Nell’introduzione vi è una breve spiegazione del fenomeno a cui si fa riferimento lo strumento e le ragioni per cui esso è rilevante.

Il progetto BRAVE mira a prevenire l’epidemia della violenza estremista in un contesto multiculturale migliorando la qualità del lavoro di Counter-Violence Extremism (CVE) attraverso la creazione di capacità professionali e il coinvolgimento di organizzazioni giovanili.

regione del veneto
pace diritti umani