A A+ A++
31/5/2016
La bandiera dell'Unione per il Mediterraneo composta da due bande orizzontali, quella superiore è bianca (la speranza), quella inferiore blu (il Mare Mediterraneo).

Unione per il Mediterraneo: l'Assemblea Parlamentare chiede ai governi azioni più incisive nella regione

La dodicesima sessione plenaria dell’Assemblea Parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo (AP-UfM) si è svolta a Tangeri, Marocco, il 28 e 29 maggio 2016 per discutere dei risultati raggiunti dall’organizzazione nella regione e per prendere atto delle modifiche apportate dall’Unione Europea alla sua Politica di Vicinato.

L’Assemblea Parlamentare si è espressa positivamente sui risultati raggiunti dalla UfM nel “perseguire la propria politica regionale, consolidare il dialogo politico nell’area facilitando l’implementazione di progetti con impatto diretto sulla popolazione e nell’interagire con gli altri attori coinvolti nella cooperazione nella regione” del Mediterraneo. Tuttavia, la stessa Assemblea ha richiamato i governi degli stati membri ad un maggior supporto finanziario all’organizzazione e ad una maggiore “sinergia tra la UfM e la Politica di Vicinato dell’UE” al fine di rafforzare la risposta alle questioni che colpiscono l’area mediterranea, quali la crisi dei profughi e l’emergenza terrorismo.

Ai lavori dell’AP-UfM ha preso parte anche il Segretario Generale dell’organizzazione, Fathallah Sijilmassi, che ha presentato le attività del Segretariato e i suoi 41 progetti certificati, evidenziandone l’aumento nel numero dei beneficiari e l’impatto positivo in termini di sviluppo umano che possono avere. Il Segretario Generale ha ricordato il ruolo che il suo organo svolge nel creare sinergia e ha salutato l’elezione dell’Italia alla presidenza dell’Assemblea Parlamentare.

Il Meeting ministeriale sulla cooperazione e la pianificazione regionale invece si terrà il prossimo 2 giugno in Giordania con l’obiettivo di rafforzare la dimensione regionale delle attività di cooperazione future e attuali.

L’Unione per il Mediterraneo è un'iniziativa intergovernativa nata nel 2008 nel framework della Partenariato Euro-Mediterraneo avviato nel 1995. E' composta dai 28 stati membri dell’Unione Europea e da altri 15 stati costieri del Mar Mediterraneo, il suo Segretariato si trova a Barcellona ed è dotata di una Assemblea Parlamentare non eletta. L’obiettivo della UfM è la cooperazione mediterranea negli ambiti di pace e sicurezza, sviluppo economico e commercio transnazionale con uno sguardo ai diritti umani, alle libertà fondamentali e al dialogo interculturale.

regione del veneto
pace diritti umani