A A+ A++

Some Reflexions on Key Subjects of Human Rights Education and Training Integrated Approach

Antonio Papisca (2010)

Contenuto in:

Pace diritti umani - Peace Human Rights, 1/2010

Tipologia pubblicazione

: Articolo / Saggio

Pagine

: 95-104

Lingua

: IT

Contenuto

Riflessioni su aspetti salienti dell’approccio integrato all’educazione e alla formazione ai diritti umani

Antonio Papisca

È la relazione svolta dall’autore nella sessione d’apertura del «Seminario internazionale delle Nazioni Unite sulla Dichiarazione delle Nazioni Unite sull’educazione e la formazione ai diritti umani», organizzato nel luglio 2009 a Marrakesh dal Ministro della Giustizia del Marocco in collaborazione con l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani. L’evento ha costituito un momento importante di riflessione per la messa a punto del testo della Dichiarazione, che si presume possa essere approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite entro la fine del 2011. L’autore svolge una serie di riflessioni sulle ragioni che portano a sostenere la necessità di adottare un approccio integrato, o globale, per l’educazione e la formazione ai diritti umani. Una delle ragioni risiede nel fatto che i diritti umani sono «tutti i diritti umani per tutti» – civili, politici, economici, sociali – tutti egualmente «fondamentali», da realizzare secondo il principio della loro interdipendenza e indivisibilità, il quale a sua volta rinvia al dato ontologico dell’integrità dell‘essere umano, fatto di anima e di corpo, di spirito e di materia. L’approccio integrato è quello che consente di ricapitolare, attorno al paradigma dei diritti universali, i vari filoni settoriali di educazione alla pace, all’interculturalità, alla cittadinanza attiva, all’ambiente e allo sviluppo sostenibile. Esso risponde anche alla necessità di coinvolgere, contemporaneamente, i settori formali, informali, non formali dell’educazione, lungo un percorso di capacity building per l’esercizio di ruoli di cittadinanza democratica dalla scuola e dal quartiere fino alle Nazioni Unite.

Aggiornato il

06/11/2012

regione del veneto
pace diritti umani