A A+ A++

Logo UNESCO "Education UNESCO Chair UNITWIN Networks", raffigurante visi di persone di varie età e colore della pelle.
© UNESCO

Cattedra UNESCO "Diritti umani, democrazia e pace"

Presentazione del Programma UNITWIN e delle Cattedre UNESCO come sistema di cooperazione e scambio culturale a livello mondiale, con particolare riferimento alla presenza ed all'attività delle Cattedre in Italia e all'Università di Padova.

Autore: Amelia Goffi

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) ha lanciato nel 1992, in conformità con una specifica Risoluzione adottata dalla Conferenza Generale alla sua 26° sessione (1991), il programma UNITWIN (University Twinning and Networking Scheme/Système de jumelage et de mise en réseaux des universités/ Sistema di gemellaggi e di messa in rete delle università).

Questo programma dell’UNESCO è uno degli strumenti intesi a rafforzare le capacità per la messa in comune e il trasferimento delle conoscenze in uno spirito di solidarietà. Esso promuove la cooperazione nord-sud e sud-sud quale strategia d’arricchimento delle istituzioni. I partecipanti sono principalmente università e istituti di ricerca che agiscono in partenariato con numerose ONG, fondazioni e organizzazioni dei settori pubblico e privato impegnate nel campo dell’insegnamento superiore.

Il Programma UNITWIN/UNESCO Chairs comprende attività di formazione, ricerca e scambi universitari e funziona quale quadro per una condivisione dell’informazione in tutti i grandi campi di competenza dell’UNESCO.

Complessivamente, le Cattedre UNESCO sono 783, istituite presso istituzioni di educazione superiore in 132 Paesi.

Presso l’Università di Padova la Cattedra UNESCO “Diritti Umani, Democrazia e Pace” è stata istituita nel 1999 con apposita Convenzione firmata dal Direttore Generale dell’UNESCO e dal Rettore dell’Università di Padova. Oltre a questa, sono solamente due le Cattedre UNESCO in Italia dedicate in maniera specifica ai diritti umani: Cattedra «Diritti dell’uomo ed etica della cooperazione internazionale», istituita nel 2003 presso l’Università degli studi di Bergamo (titolare: Stefania Gandolfi); Cattedra «Bioetica e diritti umani», istituita nel 2009 presso l’Ateneo Pontificio «Regina Apostolorum», Università Europea di Roma (titolare: Alberto García).

La Cattedra UNESCO di Padova svolge le proprie attività educative e di ricerca in collegamento organico con il Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell’Università di Padova. Titolare della Cattedra è Antonio Papisca, Professore Emerito dell'Università di Padova. 

Quale segno distintivo della sua identità, la Cattedra UNESCO di Padova è impegnata a elucidare e sostenere le ragioni per il formale, esplicito riconoscimento, all’interno degli strumenti giuridici internazionali, della “Pace quale diritto umano”, cioè diritto fondamentale della persona e dei popoli, così come già avvenuto in Italia con Leggi Regionali (paradigmatico è l’articolo 1 della Legge del Veneto del 1988) e con migliaia di Statuti di Comuni e Province a partire dal 1991.

In questo specifico contesto, attiva è la collaborazione della Cattedra con le organizzazioni non governative e le associazioni partecipanti alla Tavola della Pace e con il Coordinamento degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, in particolare per la preparazione delle sessioni biennali della “Assemblea dell’ONU dei Popoli”, organizzate dalla Tavola della Pace alla vigilia della storica Marcia della Pace Perugia-Assisi.

La Cattedra contribuisce a dare coerenza e visibilità internazionale all'attività di insegnamento e ricerca del Centro. La Cattedra UNESCO ed il Centro sono stati "focal points" del Programma 2000 - Anno Internazionale per la Cultura della Pace. La Cattedra UNESCO “Diritti Umani, Democrazia e Pace” dell’Università di Padova partecipa attivamente alle iniziative promosse nel quadro degli scambi e del coordinamento con le altre Cattedre UNESCO costituite sul medesimo ambito, in particolare ai periodici incontri internazionali organizzati a Stadschlaining, in Austria, a cura dello European University Center for Peace Studies, EPU, ed ha partecipato alla pubblicazione del “Bulletin Unesco Chairs in Human Rights, Democracy, Peace and Tolerance” (edito a cura dello EPU: ultima edizione del 2005).

In questo quadro di scambi, il contributo del titolare della Cattedra UNESCO “Diritti Umani, Democrazia e Pace” dell’Università di Padova è stato, oltre che di rapporti annuali sulle attività della Cattedra patavina, di quattro saggi raccolti nel Bulletin 6/7, A collection of 100 Study papers and essays 2001-2005 – compiled by the European University Center for Peace Studies (pp.490):

  •  Human Rights and Democracy and the primacy of politics (2001);
  •  Intercultural dialogue for what? The human rights and democracy response (2002);
  • A “Universal Convention” for the reform of the United Nations: Lessons from the European integration process (2003);
  • The nightmare of an armed multilateralism à la Carte urges for a UNESCO Declaration on the Human Right to Peace (2004-2005).

Aggiornato il

9/1/2014

regione del veneto
pace diritti umani