A A+ A++
24/7/2018

Cities for adequate housing - una nuova dichiarazione in tema di sostenibilità urbana

Il 16 luglio 2018  la dichiarazione “Cities for adequate housing” è stata firmata a New York da 12 città in rappresentanza di Paesi fra i quali Olanda, Spagna, Germania, Messico, Sudafrica, Portogallo, Regno Unito, Francia, Canada, Stati Uniti e Corea del Sud.

La dichiarazione si ispira alla “New Urban Agenda”, il documento delle Nazioni Unite con tema abitazioni e sviluppo urbano sostenibile ed all’iniziativa globale “The Shift”.
Le città firmatarie fanno parte del High Level Political Forum delle Nazioni Unite che ha come obiettivo la realizzazione dell' obbiettivo di sviluppo sostenibile numero 11che mira a rendere entro il 2030 le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili.
Il documento finale della Dichiarazione è diviso in cinque sezioni, ognuna delle quali affronta diversi aspetti riguardanti lo sviluppo urbano sostenibile ed il diritto ad un’abitazione adeguata.

Le proposte che emergono dal documento sono le seguenti:
- la concessione di maggiori poteri legali e fiscali ai governi locali per migliorare la regolamentazione del mercato immobiliare;
- le devoluzione di maggiori risorse e investimenti per incrementare la disponibilità e l’accesso a case pubbliche;
- la dotazione di strumenti di co-produzione di alloggi alternativi, basati sulla cooperazione tra privato e pubblico;
- una pianificazione urbana sostenibile e inclusiva;
- la cooperazione comunale nell’elaborazione di diverse strategie residenziali per l’accessibilità e l’equità.

É stata inoltre creata una piattaforma online (https://citiesforhousing.org/) dedicata al progetto, nella quale sono elencate le città, le associazioni e le organizzazioni che hanno aderito.

Iniziative simili erano già state attivate nel corso degli anni, come ad esempio UN-HABITAT, l’agenzia delle Nazioni Unite che ha come obiettivo la promozione e lo sviluppo di insediamenti socialmente e ambientalmente sostenibili.

regione del veneto
pace diritti umani