A A+ A++
8/2/2012
Copertina dell'Annuario italiano dei diritti umani / 2010
© Marsilio - Centro diritti umani, Università di Padova

L'Annuario italiano dei diritti umani 2011 presentato in Consiglio Regionale del Veneto

Su invito del Presidente del Consiglio Regionale, Clodovaldo Ruffato, la mattina dell'8 febbraio 2012 a Palazzo Ferro Fini e' stato presentato l'Annuario italiano dei diritti umani alla presenza di numerosi consiglieri e alti funzionari del Consiglio.

Dopo l'introduzione del Presidente Ruffato, che ha rievocato la seduta del Consiglio regionale al Palazzo del Bo del 10 dicembre 2007 in occasione del 25° del Centro Diritti Umani, il prof. Marco Mascia ha illustrato le principali attività del Centro dell'Universita' di Padova segnalando, in particolare, alcuni progetti in corso di realizzazione nel campo dell'educazione e della formazione ai diritti umani, alla cittadinanza democratica e al dialogo interculturale. A conclusione del suo intervento il prof. Mascia ha tenuto a ringraziare il Consiglio regionale per il costante sostegno fornito al Centro.

Il prof. Antonio Papisca, Direttore dell'Annuario, ne ha illustrato il contenuto e la portata, soprattutto il servizio reso all'intero paese. Egli ha altresì posto l'accento sul risalto dato nell'apposito capitolo alle attività della Regione in attuazione della legge 55/1999 "Interventi regionali per la promozione dei diritti umani, la cultura della pace, la cooperazione allo sviluppo e la solidarietà".

Il Consigliere Tesserin, Presidente della Commissione Statuto e Decano del Consiglio, si è reso interprete dei sentimenti di apprezzamento e plauso dei consiglieri.

Nelle sue conclusioni, il Presidente Ruffato ha tra l'altro comunicato che il Consiglio intende prossimamente ricordare, in modo adeguato, il 30° anniversario di istituzione del Centro diritti umani dell'Universita' di Padova e continuare a sostenere, quale Regione pilota nel campo della promozione della cultura pace diritti umani, le attività previste dalla Legge 55/1999.

regione del veneto
pace diritti umani