A A+ A++
11/7/2012
Ampia veduta della sala durante i lavori di una sessione del Consiglio Diritti Umani, Ginevra.
© UN Photo/Pierre-Michel Virot

Nazioni Unite: si è conclusa la 20° sessione ordinaria del Consiglio diritti umani

Il 6 luglio 2012 si è conclusa la 20° sessione ordinaria del Consiglio diritti umani delle Nazioni Unite, tenutasi a Ginevra dal 18 giugno al 6 luglio 2012.

Nel corso della sessione sono stati presentati e discussi i rapporti presentati dall’Alto Commissario per i diritti umani, Navi Pillay, e del Segretario Generale, Ban-Ki Moon, e si sono tenuti dei dialoghi interattivi con diversi esperti indipendenti delle Nazioni Unite.

Sulla base delle considerazioni espresse dall’Alto Commissario per i diritti umani in merito alle sistematiche violazioni dei diritti umani in Bielorussia e in Eritrea, il Consiglio ha deciso di nominare due Relatori Speciali per monitorare la situazione nei Paesi. Il Consiglio ha inoltre deciso di estendere di un anno il mandato dei Relatori Speciali sulla situazione dei diritti umani in Costa d’Avorio e in Somalia.

Nel corso della sessione il Consiglio ha adottato 22 risoluzioni, aventi per oggetto, tra gli altri:

  • i diritti umani dei migranti: la risoluzione chiede agli Stati di promuovere politiche per l’effettivo godimento del diritto all’educazione per i figli dei migranti e per la promozione di politiche volte alla lotta alla discriminazione in questo settore (Ris. A/HRC/20/L.6);
  • il diritto alla cittadinanza: la risoluzione chiede agli Stati di adottare previsioni legislative che prevengano la diffusione dell’apolidia tra donne e bambini (Ris. A/HRC/20/L8);
  • la promozione e la protezione dei diritti umani in internet, ed in particolare il diritto di espressione (Ris. A/HRC/20/L.13);
  • il traffico di persone, in particolare donne e bambini: il Consiglio ha ribadito le preoccupazioni per l’alto numero di persone trafficate e ha chiesto all’Alto Commissario per i diritti umani di organizzare delle consultazioni per individuare i principi alla base del diritto ad un ricorso effettivo per le vittime del traffico (Ris. A/HRC/20/L.1);
  • i diritti delle donne: il Consiglio incoraggia gli Stati ad aumentare i propri sforzi per combattere ogni forma di violenza nei confronti delle donne (Ris. A/HRC/20/L.10), e per combattere ogni forma di discriminazione nei confronti delle donne, attraverso la promozione della partecipazione femminile alla vita politica, sociale ed economica (Ris. A/HRC/20/L.11)
  • la situazione in Siria: il Consiglio ha condannato le gravi e sistematiche violenze che continuano a verificarsi nel Paese e ha rimarcato la necessità di assicurare alla giustizia i responsabili (Ris. A/HRC/20/L.22).

Il Consiglio ha inoltre approvato una risoluzione con cui ha istitutito un Gruppo di lavoro con il mandato di negoziare e presentare al Consiglio stesso una bozza di Dichiarazione sul diritto alla pace.

La 21° sessione del Consiglio diritti umani delle Nazioni Unite si terrà a Ginevra dal 10 al 28 settembre 2012.

regione del veneto
pace diritti umani