A A+ A++
30/9/2010
Bandiere contenenti il logo dell'OSCE in russo, inglese e tedesco di fronte al Palazzo dell'Hofburg a Vienna
© OSCE/Mikhail Evstafiev

OSCE/ODIHR: lanciato il nuovo Progetto Giustizia per i Crimini di Guerra

L'Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani (ODIHR) dell'OSCE ha lanciato un importante progetto regionale finalizzato al rafforzamento degli ordinamenti giudiziari per gestire casi relativi a crimini di guerra.

Il Progetto Giustizia per il Crimini di Guerra (War Crimes Justice Project) è finanziato per quattro milioni di euro dall'Unione Europea e realizzato in cooperazione con il Tribunale Penale Internazionale per l'ex Iugoslavia (ICTY),  l'Istituto interregionale di ricerca sul Crimine e la Giustizia delle Nazioni Unite e con le operazioni sul campo a Belgrado, Podgorica, Pristina, Sarajevo, Skopje e Zagabria dell'OSCE.

Il progetto è focalizzato sul trasferimento di conoscenze e materiali dal ICTY a professionisti in materie giuridiche nelle giurisdizioni nazionali. L'obiettivo è affrontare le lacune individuate nelle capacità professionali dei giudici e le loro risorse in un modo che sia sostenibile e appropriato nel contesto giuridico locale.

Tra le molte attività previste per implementare tale progetto, una componente chiave sono incontri peer-to-peer tra i giudici dell'ICTY e i colleghi degli ordinamenti nazionali per discutere, condividere preoccupazioni e scambiare vedute su certi casi di crimini di guerra. Altre attività prevedono la traduzione delle sedute del Tribunale internazionale nelle lingue locali, lo sviluppo du curricula sul Diritto internazionale penale e umanitario e un manuale per gli avvocati della difesa.

regione del veneto
pace diritti umani