A A+ A++
14/11/2013
Logo del settimo degli Obiettivi ONU di Sviluppo del Millennio, Garantire la sostenibilità ambientale; raffigura un fiore stilizzato su sfondo verde.
© UNDP

Seminario “Diritti, Ambiente, Beni Comuni: quale ruolo per la difesa civica?”, lunedì 25 novembre 2013, Padova

Il Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell’Università di Padova e l’Ufficio del Difensore civico della Regione del Veneto promuovono, in collaborazione con il Coordinamento nazionale dei Difensori civici e l’Istituto italiano dell’Ombudsman, il seminario di studio sul tema “Diritti, Ambiente, Beni Comuni: quale ruolo per la difesa civica?”.

L’incontro avrà luogo lunedì 25 novembre 2013, alle ore 10.00, presso l’Aula Nievo di Palazzo Bo, a Padova.

La tutela dell’ambiente e dei beni comuni è un tema attuale e di notevole importanza a livello politico, sociale e scientifico. E anche –potenzialmente e in alcuni casi in concreto – per la difesa civica. Le scelte delle pubbliche autorità in materia ambientale, relative all’uso di risorse come suolo, acqua, energia, e alla gestione di rifiuti e fonti inquinanti, hanno un’influenza diretta sul benessere e sulla salute dei cittadini; esse inoltre sollevano questioni politiche ed etiche, soprattutto in relazione alla necessità di garantire un adeguato bilanciamento tra esigenze economiche e tutela dell’ambiente e del territorio, tra esigenze di sviluppo della società di oggi e diritti delle generazioni future. Quali sono dunque gli organismi chiamati a promuovere e difendere la qualità ambientale? Che interlocuzione esiste in quest’ambito tra le istituzioni e il sistema dell'associazionismo? Che ruolo può rivestire la difesa civica in tema di tutela dell’ambiente e di tutela del diritto all’ambiente, ovvero del “diritto soggettivo a godere di un ambiente salubre, inteso come bene collettivo e individuale in cui ciascuno sviluppa, esprime e realizza la propria personalità”? (Cass. sez. III 19.1.1994 n. 439).

Il seminario pubblico si prefigge di indagare i problemi etici, sociali e giuridici legati alle politiche ambientali, prendendo in esame la normativa internazionale, nazionale e regionale esistente in materia di protezione del territorio e sicurezza ambientale e riflettendo sul ruolo degli organismi pubblici e privati in quest’ ambito. Le relazioni e i contributi riguarderanno le problematiche giuridiche e sociologiche connesse alla gestione di politiche, come quelle ambientali, che incidono in modo decisivo sulla qualità della vita delle persone. Verrà inoltre affrontato il ruolo delle istituzioni pubbliche e delle professioni impegnate nella gestione e tutela del territorio. Si darà spazio anche alla società civile e all’associazionismo, che ha svolto negli anni un ruolo di rilievo nella progressiva diffusione di una sensibilità ambientale. Attenzione particolare, infine, verrà data al ruolo che i Difensori civici regionali hanno e possono avere nella tutela ambientale, esercitando forme di monitoraggio, esigendo trasparenza, facilitando la partecipazione e il rispetto delle procedure a tutela del cittadino e delle collettività. L’incontro si propone pertanto come un’occasione per esplorare gli spazi di azione e di partecipazione che possono rendere effettivo il diritto all’ambiente.

L'incontro si inserisce nell'ambito del ciclo di incontri peer-to-peer su “Difesa civica e diritti dei cittadini”, promossi dal Centro Diritti Umani dell’Università di Padova e dall’Ufficio del Difensore civico della Regione del Veneto, in collaborazione con il Coordinamento nazionale dei Difensori civici e l’Istituto italiano dell’Ombudsman.

Per maggiori dettagli si veda il programma dell'incontro in allegato

regione del veneto
pace diritti umani